lunedì 17 ottobre 2016

Poesia e Arte / Carlo Michelstaedter, Vita - Morte.


Oggi, 7 ottobre 2016, ricorre l'anniversario del suicidio di Carlo Michelstaedter
(Gorizia, 3 giugno 1887 – Gorizia, 17 ottobre 1910).
Ricordiamolo rileggendo il suo Canto delle crisalidi.

Studio di copertina 2 per video.
Irene Navarra, Il canto delle crisalidi di Carlo Michelstaedter, Disegno grafico, 2016.
- Studio di copertina 2 -


Vita, morte,
la vita nella morte;
morte, vita,
la morte nella vita.

Noi col filo,
col filo della vita
nostra sorte
filammo a questa morte.

E più forte
è il sogno della vita -
se la morte
a vivere ci aita

ma la vita
la vita non è vita,
se la morte
la morte è nella vita

e la morte
morte non è finita,
se più forte
per lei vive la vita.

Ma se vita
sarà la nostra morte
nella vita
viviam solo la morte.

Morte, vita,
la morte nella vita;
vita, morte,
la vita nella morte. –

Da Poesie (1905-1910), a cura di Sergio Campailla, Adelphi, 1987.

Qui il video dedicato.
Le varie slide che lo compongono sono bianco-nere.
Per evocare simbolicamente l’alternare dei concetti esistenziali di Vita-Morte.

Nell'immagine di presentazione del video: Irene Navarra, Studio di copertina 9, 2016.

Carlo si uccise con un colpo di rivoltella.

"Quando recidi lo stame della vita hai scelto. Che sia per lucida volontà, per disperazione, per curiosità, non importa. Importa che tu abbia scelto facendo tua l’unica forma di libertà di cui puoi godere: la Libertà per la morte.
Morte, vita, / la morte nella vita; / Vita, morte, / la vita nella morte.
Sussurriamocelo anche noi questo mantra che amplifica lo spirito. Perderemo ogni paura.”

Da Di soglia in soglia la Percezione dell’Assoluto di Irene Navarra (performance multimediale messa in scena al Teatro Incontro di Gorizia il 4 giugno 2010, nel Centenario della nascita di Carlo Michelstaedter).


In Onda per onda (Poesie, Adelphi, 1987, pag. 74) scrive:

[…]
Al mio sole, al mio mar per queste strade
della terra o del mar mi volgo invano,
vana è la pena e vana la speranza,
tutta la vita arida e deserta,
finché in un punto si raccolga in porto,
di sé stessa in un punto faccia fiamma.

"Se penso a quel colpo di rivoltella di quel maledetto 17 ottobre 1910, provo rabbia e mi dico che è stato folle, che se n’è andato per un eccesso intellettualistico, per esasperata interiorizzazione o sfrenata sensualità. Poi, però, capisco che ci ha tolto sì la sua straordinaria persona, ma ci ha regalato un mito. E istantaneamente lo amo di un amore ancora più forte. Per amore, dunque, lasciamolo ritornare con la sua Bella Morte al di là dell’ultima Soglia, nel segreto di un Mondo che non ci è dato conoscere."

Da Di soglia in soglia la Percezione dell’Assoluto di Irene Navarra (performance multimediale messa in scena al Teatro Incontro di Gorizia il 4 giugno 2010, nel Centenario della nascita di Carlo Michelstaedter).

Paul Klee, La morte e il fuoco, 1940.
Resta il pallido volto della morte e la fiamma.
Come nel celebre dipinto di Paul Klee La morte e il fuoco che. seppure con dettami diversi, mi riporta visionariamente al "Giovane Divino" per gli imperscrutabili sentieri dell'Arte.


Per saperne di più su Carlo Michelstaedter, si seguano i link cliccando sui titoli sottostanti.
Dalla Morte alla Vita.
Il suicidio di Carlo Michelstaedter: un'ipotesi.
Di soglia in soglia La Percezione dell'Assoluto.